BOLLETINO DEL 15 MARZO 2020

TERZA DOMENICA DI QUARESIMA                15 MARZO 2020

10:00    S. Messa con intenzioni comunitarie  CANCELLATO

Angelo BRACA  /la moglie Lucia e figlie

Michelina FRANCESCHINI-DI SANO  /il marito Quirino

Bambina e Giuseppe PATUTO/  la nuora Maria

Orlando CACCIOTTI (28.mo anniversario)/  la moglie Natalina e figli 

Giuseppe NESCI / la moglie Maria

Peggy & Patsy PALUMBO/  I. Circelli

Lunedì 16 marzo:                            NESSUNA MESSA                                                             

Martedì 17 marzo:      (S. Patrizio vesc.)

19:30  S. Messa con intenzioni comunitarie  CANCELLATO

Bruno GAGLIARDI / colletta funerale 

Angelo MANCINI / colletta funerale 

Armando e Antonietta FARINA / il figlio Joe e famiglia

 Mercoledì 18 marzo:                S. Cirillo di Gerusalemme

NESSUNA MESSA                                                             

 Giovedì 19 marzo:                  S. Giuseppe sposo di Maria

19:30   S. Messa con intenzioni comunitarie  CANCELLATO

Giuseppe e Bambina PATUTO  /la figlia Carmela

Gabriele MORIELLO / la moglie Giuseppina e i figli 

Ringraziamento a San Giuseppe  /persona devota

Venerdì 20 marzo:           

19:00: Via Crucis

19:30 Armando e Antonietta FARINA / il figlio Joe e famiglia

 DOMENICA 22 MARZO 2020

10:00    S. Messa con intenzioni comunitarie  CANCELLATO

Tony e Pasquale CELLI  /la famiglia

Maria PAOLETT-SORRINI /la famiglia

Annunziata e Antonio PACIFICO  /la sorella Maria P.

Roberto TIRANARDI/  la figlia Elena C.

Vincenzo CIRCELLI /  la moglie Carmela e figli

Maria SCARANO / la comare Diva

Maria FERRULO /  i figli

Michele CALISTO (10.mo Anniversario) / la moglie Anna e  i figli

Maria Teresa MASTROMONACO /  i figli

Clara KING (7.mo Anniversario)   /  la figlia Gloria

Genitori defunti di Amelia e Michele PACIFICO

 MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO PER LA QUARESIMA 2020

«Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio» (2Cor 5,20)

Cari fratelli e sorelle!

Anche quest’anno il Signore ci concede un tempo propizio per prepararci a celebrare con cuore rinnovato il grande Mistero della morte e risurrezione di Gesù, cardine della vita Cristiana personale e comunitaria. A questo Mistero dobbiamo ritornare continuamente, con la mente e con il cuore. Infatti, esso non cessa di crescere in noi nella misura in cui ci lasciamo coinvolgere dal suo dinamismo spirituale e aderiamo ad esso con risposta libera e generosa.

  1. Il Mistero pasquale, fondamento della conversione

La gioia del cristiano scaturisce dall’ascolto e dall’accoglienza della Buona Notizia della morte e

risurrezione di Gesù: il kerygma. Esso riassume il Mistero di un amore «così reale, così vero, così

concreto, che ci offre una relazione piena di dialogo sincero e fecondo» (Esort. ap. Christus vivit, 117). Chi crede in questo annuncio respinge la menzogna secondo cui la nostra vita sarebbe originata da noi stessi, mentre in realtà essa nasce dall’amore di Dio Padre, dalla sua volontà di dare la vita in abbondanza (cfr Gv 10,10). Se invece si presta ascolto alla voce suadente del “padre della menzogna” (cfr Gv 8,45) si rischia di sprofondare nel baratro del nonsenso, sperimentando l’inferno già qui sulla terra, come testimoniano purtroppo molti eventi drammatici dell’esperienza umana personale e collettiva.

In questa Quaresima 2020 vorrei perciò estendere ad ogni cristiano quanto già ho scritto ai giovani nell’Esortazione apostolica Christus vivit: «Guarda le braccia aperte di Cristo crocifisso, lasciati salvare sempre nuovamente. E quando ti avvicini per confessare i tuoi peccati, credi fermamente nella sua misericordia che ti libera dalla colpa. Contempla il suo sangue versato con tanto affetto e lasciati purificare da esso. Così potrai rinascere sempre di nuovo» (n. 123). La Pasqua di Gesù non è un avvenimento del passato: per la potenza dello Spirito Santo è sempre attuale e ci permette di guardare e toccare con fede la carne di Cristo in tanti sofferenti.                                     (Continua la prossima settimana)

 MESSAGE OF HIS HOLINESS POPE FRANCIS FOR LENT 2020

“We implore you on behalf of Christ, be reconciled to God” (2 Cor 5:20)

 Dear Brothers and Sisters,

This year the Lord grants us, once again, a favourable time to prepare to celebrate with renewed hearts the great mystery of the death and resurrection of Jesus, the cornerstone of our personal and communal Christian life. We must continually return to this mystery in mind and heart, for it will continue to grow within us in the measure that we are open to its spiritual power and respond with freedom and generosity.

  1. The paschal mystery as the basis of conversion Christian joy flows from listening to, and accepting, the Good News of the death and resurrection of Jesus. This kerygma sums up the mystery of a love “so real, so true, so concrete, that it invites us to a relationship of openness and fruitful dialogue” (Christus Vivit, 117). Whoever believes this message rejects the lie that our life is ours to do with as we will. Rather, life is born of the love of God our Father, from his desire to grant us life in abundance (cf. Jn 10:10). If we listen instead to the tempting voice of the “father of lies” (Jn 8:44), we risk sinking into the abyss of absurdity, and experiencing hell here on earth, as all too many tragic events in the personal and collective human experience sadly bear witness.

In this Lent of 2020, I would like to share with every Christian what I wrote to young people in the Apostolic Exhortation Christus Vivit: “Keep your eyes fixed on the outstretched arms of Christ crucified, let yourself be saved over and over again. And when you go to confess your sins, believe firmly in his mercy which frees you of your guilt. Contemplate his blood poured out with such great love, and let yourself be cleansed by it. In this way, you can be reborn ever anew” (No.123). Jesus’ Pasch is not a past event; rather, through the power of the Holy Spirit it is ever present, enabling us to see and touch with faith the flesh of Christ in those who suffer.

(To be continued next week)

BUSTE DOMENICALI  della Missione

Le buste domenicale vengono utilizzate per identificare chi da l’offerta durante l’anno per finalmente potere preparare la ricevuta dell’imposta sul reddito (income tax) alla fine dell’anno.

Si prega di assicurarsi, che sia ben indicato il numero della vostra busta o pure, di scrivere il vostro nome e indirizzo sulla busta.  Grazie.

SUNDAY ENVELOPE OFFERING:  Please be sure your Sunday envelope is well identified with your parishioner number or write your name and address on the envelope.  Thank you

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *